TRADING ONLINE: Il decalogo per chi inizia

Pubblicato in Forex Trading

Trading online: Come iniziare? Quali le regole per investire sul trading? Ecco due frequenti domande, cui non è facile dare risposta. La voglia di correre è spesso molta, ma sui mercati non si improvvisa nulla. Abbiamo stilato dieci regole per avvicinarsi al mondo del trading online.

 1 - La prima regola nel trading online è la prudenza.

L’entusiasmo e la voglia di ottenere risultati in tempi rapidi spesso spingono l’investitore ad entrare nel mondo del trading online accollandosi troppi rischi. Ecco quindi la regola base: la prudenza, una delle quattro virtù cardinali nella morale occidentale sin dall'antichità non per nulla. Non ci si improvvisa trader in pochi minuti. Investire sui mercati non è un gioco, occorrono tempo, preparazione e studi. Le pubblicità che annunciano guadagni facili in poco tempo sono spesso trappole. Nessuno regala soldi, tantomeno nel mondo della finanza.

2 -La scelta del broker per il trading online

La seconda regola nel trading online? È una conseguenza immediata della prima: scegliere con attenzione l’intermediario (broker o banca) da utilizzare. La tutela del proprio capitale è fondamentale, pertanto è bene evitare quelli con sedi nei paradisi fiscali o che comunque non abbiano determinate garanzie a tutela dell’investitore. In ambito europeo la maggior parte dei broker hanno sede a Londra, dove le normative sono sufficientemente stringenti a tutela del cliente.

3 - La pazienza. La fretta è una cattiva consigliera, è un vecchio proverbio sempre valido, anche nelle scelte di investimento. Troppi click, cioè troppe operazioni di trading in un arco temporale ridotto, spesso distruggono il trader, logorando anche il suo capitale psicologico, cioè la sua emotività e la confidenza in sé stessi. Non sempre un elevato numero di ordini eseguiti determina elevati profitti. Spesso operare su un arco temporale più ampio riduce lo stress e migliora le performance, consentendo all’operatore di ottenere risultati migliori a fronte di uno stress più contenuto.

 4 - Costruirsi un metodo di operatività nel trading (o adottare strategie di cui si è verificata l’attendibilità, con risultati storici significativi in un arco temporale sufficientemente ampio). È importante autoregolarsi, il trading è spesso un’attività in cui si è da soli, è necessario avere un metodo da seguire, in modo che l’operatività non sia eccessivamente soggetta alla propria emotività, ma sia il più possibile razionale ed efficiente.

financial markets

5 - Rispettare il metodo che ci si è dati con estrema costanza.  Non esistono scuse: un metodo va rispettato sempre, altrimenti decade.

6 - Segnarsi gli errori ed imparare al passato. Il mercato ha memoria, cerchiamo di averla anche noi. Ho sbagliato un’operazione – Perchè? Dove ho sbagliato? Come posso evitare di ricadere nello stesso errore?

7 - Non innamorarsi della propria posizione: a volte l’ego e la convinzione di essere necessariamente dalla parte giusta del mercato possono portare a risultati negativi. Utilizzare gli stop loss è pertanto fondamentale. Pare scontato ricordarlo, ma è sempre meglio chiudere una posizione con una perdita piccola piuttosto che con una più ampia. Al tempo stesso una posizione che sta guadagnando non deve mai essere portata in negativo, può al più essere chiusa in pareggio, non in perdita. L’ego non deve dominare il nostro trading, quando il mercato la pensa diversamente da noi bisogna essere rapidi a riconoscerlo ed accettarlo.

 8 - Operare, quando possibile nella direzione del trend. È sempre valido il motto: “Trend is your friend”; spesso analizzando i grafici si nota chiaramente la direzione in cui i prezzi si stanno muovendo, quasi sempre vale la pena seguirla. In altre parole mai mettersi contro il mercato, ma cercare di seguirlo, per aumentare le possibilità di successo

 9 - Analizzare la propria propensione al rischio e scegliere di conseguenza gli investimenti più consoni. Valutare con attenzione l’utilizzo della leva finanziaria, tramite la quale il broker permette al trader di investire su capitali decisamente più ampi rispetto all’investimento effettuato. La leva permette di amplificare le proprie performance (sia i profitti quanto le perdite), può essere molto utile, ma va utilizzata con estrema attenzione e consapevolezza, così come non si dà una Ferrari ad un neopatentato.

 10 - Non investire mai una percentuale eccessiva del proprio capitale in strumenti ad alto rischio. Il trading deve preservare la ricchezza. E qui il cerchio si chiude tornando alla prima regola: la prudenza.